Le improbabili interviste di Pelò – Marco Bonfiglio

bonfiglio

 

 

 

 

 

 

Poi un giorno è sbucato fuori dal nulla e da quel giorno non è più andato via. 

A noi, com’è risaputo, non interessa il fatto che un atleta possa vincere o meno e nemmeno quanta superiorità rispetto agli avversari possa avere in corpo.

A noi interessa la passione, la semplicità ed il sapere rimanere sempre nell’umiltà cosa che trasforma un atleta in campione.

Credo che Marco rappresenti quanto sopra oltre ad essere una persona di spirito e di parola …… “lunedì rispondo alle domande e lunedì l’ha fatto”

Ringraziando per la disponibilità non mi resta che passare la palla a Pelò

 

– Marco Bonfiglio ….. AbbiateGrasso …….. da quale pulpito?
Pulpito spintatotale… per il resto il mio pulpito me lo tengo solo per me, meglio… perché razzolerei troppo male!!

– La tua esplosione nelle ultramaratone, avvenuta nel 2006, fu erroneamente confusa con un aereo che oltrepassava la barriera del suono . …..dov’eri prima ?
Sempre giocato a calcio… poi quando ho capito che nella Juve non sarei mai arrivato a giocare ho preferito cambiare sport… per l’ippica non avevo il fisico e allora ho iniziato a correre.

– Nel 2006 se non erro avevi 28 anni …… è quello il momento giusto per passare dalle gare su distanza classica alle ultra o avevi già iniziato prima ?
Ho iniziato a correre nel 2003 e lo stesso anno ho fatto la mia prima maratona a Milano; ah boh!! Chiedere a me cosa possa essere giusto è proprio fuori luogo… vado sempre e solo a sensazione e non sempre ci capisco molto.
Ognuno deve sempre fare ciò che ritiene giusto per se stesso.

– La corsa è entrata nella tua vita o sei tu che sei andato a cercarla?
Dopo l’operazione per la rottura del crociato del ginocchio dx ho smesso ci giocare a calcio… allora la scelta era di restare sul divano a bighellonare sempre e guardare i Simpsons o correre un po’ per mantenermi in forma… ora corro sempre e un po’ guardo i Simpsons…

– Nella Grande Mela hai visto il bruco ?
Certamente!!! Infatti non tutte le Ciambelle escono col bruco!

– Ritieni che sia una domanda offensiva, inutile, scorretta o pensi che ci sia peggio ?
Una domanda che sicuramente ci sta alla grande… c’è molto di peggio; pensa se mi avessi chiesto chi è  l’ultramaratoneta più bello!! Avrei dovuto tirare in ballo anche qui ABS

– Sei arrivato a Sparta e sei ritornato ad Atene ….avevi dimenticato le chiavi ? Non facevi prima a fartele spedire ?
No no le chiavi le avevo… solo che partendo di corsa da Atene non avevo pensato che a Sparta non avrei avuto l’auto!! E allora sono tornato di corsa… nessuno mi ha dato un passaggio e il taxi tropo costoso…

– Un grande campione come te corre ancora per passione o la passione si è tramutata in lavoro?
Assolutamente tutta passione… anche se ci dedico in pratica tutto il tempo libero; se almeno fosse un lavoro qualcuno mi pagherebbe… invece è la corsa che lavora per me e quindi sono io che contribuisco a stipendiarla….

– Programmi tu stesso le tue partecipazioni alle gare ?
Certamente faccio tutto io… sono il mio preparatore, nutrizionista, pianificatore, programmatore, personal trainer e corro anche.

– Il Grande Mogol è il grande compositore di canzoni o il “capo” delle Giovani Marmotte della Walt Disney?
Caspita mi prendi proprio alla sprovvista nn saprei proprio… azzzz… non è assolutamente il mio campo.
Mi dedico ad altro e come dice un qualcuno di cui non ricordo il nome, preferisco avere “Dieci ragazze così che dicon solo di sì.

– L’essere un ultrapodista ad alti livelli prevede una seria programmazione degli impegni o riesci a decidere nel corso della stagione ?
Qualche impegno mi piacere cercare di pianificarlo per tempo… ma poi durante la stagione spesso stravolgo tutto e continuo ad aggiungere gare anche quando avevo pianificato il “riposo”… forse il mio dizionario non contempla il termine “riposo”…

– Con quant’anticipo programmi un ultramaratona ?
Vedi punto sopra… qualcosa provo a programmare poi vivo abbastanza alla giornata… anche qui

– Il bosco della lama è tagliente ?
Eh eh… taggliente si! Infatti non mi piace corerre i trail… nn ne sono capace; quando li faccio infatti cado sempre e mi taglio…

– Di quanto tempo hai bisogno,dopo un ultra impegnativo, per riportare il tuo fisico a livelli competitivi ?
Eh eh… a saperlo!! Io per sicurezza corro sempre e aspetto che che correndo recuperi del tutto.
Il mio motto “corri sempre che tanto prima o poi tutto passa…”

– La condizione più estrema i cui hai corso.
Diverse gare, per differenti motivi…. Ultramaratona di Boavista, deserto del Sahara e Namibia… A.S.A.
Ma forse la gara più dura soprattutto a livello mentale è stata quella volta in cui ho corso con un amico della Viola… due maroni a parlare di politica e gnocca e calcio… grande David!

– Meglio il grande caldo, il grande freddo o il grande intermedio ?
Sempre meglio il grande caldo!!! Non lo soffro particolarmente… quando fa un freddo boia ho le gambe di legno e le mani che diventano accessori inutili

– Quanti giri della ruota deve fare un criceto per essere considerato Ultra ?
Io me lo sono tatuato sul polpaccio della gamba dopo aver fatto una 6 ore all’interno di una palestra, girando su di un percorso di 195 metri… ognuno ha il proprio criceto e ogni criceto diventa un ultra quando si sente di esserlo.

– Stagione 2016 ….. quali sono i punti cardine ?
Per il mio 2016 l’obbiettivo principale, con l’aiuto dell’amico Federico (Borlenghi), è trovare il modo per eliminare lo Zucca Zuccarello… non se ne può proprio più di lui, è ovunque…. Un incubo senza fine!! Grande Nicola, un amico… un grande atleta, uomo e personaggio!! Vip
Poi correre un po’ di ultra…

– Mantieni un profilo basso, credi nella legge dell’ L ?
Gran caxxata la legge dell’L…

– I giornali ed i media non parlano mai del mondo ultra:

a perchè viene considerato monotono dai lettori
b perché non c’è un giro economico attorno
c perché il sedano oggi costava 15 € al gambo
d perché c’è uno sport che annebbia tutto il resto
e perché non c’è abbastanza posto per la cronaca di 490 km
f perché non ci sono gli ultras sugli spalti
g perché la mamma gli ha detto di no
h perché e colpa dell’ Isis

a, b, c, d, e, f, g, h…
i: fare un ultra articolo o meglio un articolo ultra sarebbe troppo lungo e richiederebbe tropo inchiostro

– Saggezza popolare : La vacca disse al mulo quando ti puzza il culo , cosa disse il mulo alla vacca?
Beh ovviamente come dice l’immenso Elio… “ho appena fatto la malta”… non c’è mai nulla di ovvio e scontato, c’è sempre un’alternativa…

-Hai mai pensato che alla 50 km della sabbia se facevo la 42 km potevo batterti ?
No no… ho fatto due volte la 50 km e ho vinto entrambe le volte… almeno una delle due volte se avessi fatto la 42 nn avrei vinto; fortunatamente diversi hanno avuto il tuo stesso pensiero!

– In ultimo ma forse no, escluso te e naturalmente me , chi è il tuo atleta preferito ( pro o non pro )
Parlando seriamente il mio atleta preferito perché un grande campione e un grande uomo è sicuramente l’amico Ivan (Cudin)… un esempio sempre e cmq per tutti.
Poi ce ne sono diversi altri che hanno fatto grandi cose e che mi hanno ispirato e dato una bella carica per provare ad affrontare tante sfide.
Ed infine, ma non certo ultimo di importanza, nn posso certo non citare il grande William Govi. Ho avuto la fortuna di conoscerlo e di incontrarlo in diverse gare e i suoi racconti e le sue avventure sono state di grande ispirazione…
– Mi son reso conto che sono a fine intervista e non ti ho ancora fatto una domanda sulla gnocca pensi stia male ?
No, male direi proprio di no!!
Più che altro credo non ce ne sia mai abbastanza…

– Pensi che il “comma 22” delle Sturmtruppen possa essere valido anche nelle Ultra ?
Articolo 22 delle Sturmtruppen dice “Vietato impazzire!” Quindi direi che assolutamente è valido nelle ultra e che anzi debba essere applicato!!

Per la precisione il Comma 22 delle Sturmtruppen diceva: “Chiunque è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di guerra. Chi chiede di essere esentato dalle missioni di guerra non è pazzo” 

Domani Arriva Sempre ti ringrazia lasciandoti uno spazio che potrai sfruttare a tuo piacimento per comunicare qualcosa ai tuoi lettori tenendo conto però che, per etiche morali, sarai censurato se non parlerai di gnocca
Ovviamente, solo per evitare censure, non posso che sforzarmi di dire “viva la gnocca”!!
E come sempre Spintatotale!!

Grazie Marco, Domani Arriva Sempre dice che hai passato l’esame

Pelò

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*