Alla volta della “Rov 300” – Roberto Aldovini

aldoviniNuova avventura estrema alle porte per l’avvocato Aldovini Roberto, membro Bergamasco/Bresciano con spostamento Svizzero  di Domani Arriva Sempre, che giovedì prossimo venturo partirà alla volta di Rovaiemi per sfidare in contemporanea il grande freddo ( a lui tanto caro) e la lunga distanza ( 300km).

 

 

 

La particolarità ed ulteriore difficoltà della competizione, che attraverserà lande ghiacciate con scenari mozzafiato ed assenza di civiltà,  sarà appunto la mancanza di punti intermedi adibiti a riposo al coperto, rifocillamento, cambio di tenuta sportiva e qualsiasi cosa possa donare un attimo di sollievo agli atleti.

I concorrenti dovranno partire con tutto il necessario per coprire l’intera distanza e saranno interdetti dall’acquistare qualsiasi cosa nei rari paesi che incontreranno sulla strada  pena squalifica. La competizione obbligherà il transito da alcuni check point che raggiungibili grazie all’ausilio di navigatore satellitare con cui il nostro atleta non va proprio d’accordo.

Nel salutare ed augurare il più grande in bocca al lupo all’avvocato, autore di un intervista poche settimane or sono, Domani Arriva Sempre proverà a seguire tramite il sito ufficiale della competizione l’andamento dell’avvocato.

Per la cronaca Roberto lascerà l’Italia Giovedì mattina e la corsa partirà nella mattinata di Domenica 21

Di seguito, per chi non conosce l’avvocato, due righe ironiche di presentazione redatte da lui stesso: 

Professore, qual buon vento ? Ho trovato la sua chiamata ieri ma sono tornato dopo le 23.00 perché ero in notturna ad allenarmi per la prossima impresa: Rov 300 (gara di 300 km in lapponia è l’estensione di quella che avevo fatto nel 2013, la Rovaniemi 150: www.rovaniemi150.com ).

Sono un po’ preoccupato perché è con GPS obbligatorio e non è che io sia proprio un falco con questa tecnologia aliena. Comunque vedremo, nel caso lei posti qualcosa di commuovente in mio ricordo sul sito del gruppo.

Lascio, due righe a ricordo di chi fu il grande Aldovozzi:

Aldovozzi nasce a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 in provincia di Bergamo per migrare ancora in fasce in terra bresciana dove, in compagnia di amici immaginari che tuttora frequenta assiduamente, trascorre un’infanzia serena ed un’adolescenza effervescente impreziosita da una vivace inclinazione all’onanismo.

Con la pubertà le spiccate doti intellettuali ne fanno il capofila di una nutrita schiera di intellettuali basso-padani, tra i quali si ricordano Gigi “l’Osel” Boffelli e Sandrino “Cagu’ ” Metelli con cui divide il banco di studi e pagelle da piazzamento olimpico.

Giunto alla maturità intraprende con profitto gli studi in legge distinguendosi per innumerevoli episodi di stalking ai danni delle compagne di corso.

Terminati il percorso universitario e forte di un’intensa formazione alla fotocopiatrice presso un importante studio legale, Aldovozzi abbraccia il lato oscuro della legge venendo assunto quale legale di una multinazionale cosmetica. Il quotidiano contatto con tonnellate di “Topa” lo indirizza verso una ricerca intimistica, avvicinandolo al mondo degli sport estremi e mettendo una pietra tombale sulla sua carriera lavorativa.

Le innumerevoli esperienze di pre-morte vissute durante competizioni di vario genere quali la Nove Colli, la Spartathlon, la Badwater, l’IditaSport 200 Miles, gli consentono di sviluppare un forte fatalismo e un distacco emotivo verso i tragici episodi che costellano il suo percorso sportivo. In occasione di una di queste tragedie cementa il sodalizio con il triatleta emiliano Adrea “Pelo” Di Giorgio: dati entrambi dispersi durante una ultramaratona sull’Adamello, i due rischiano la vita nel corso del recupero ad opera dell’elisoccorso alpino. A un passo dalla morte, il cervese lo conforta con le seguenti parole: “Avvocato, in quattro è già orgia”.

Colpito dalla profondità emotiva del compagno di disavventura, Aldovozzi decide di diventare suo seguace affiliandosi al Surfing Shop prima e al DAS successivamente.

Attivo nel campo della pornonautica, Aldovozzi attualmente vive e si allena tra le montagne della Lombardia.

 

Domani Arriva Sempre 

Andrea Pelo di Giorgio

0 comments on “Alla volta della “Rov 300” – Roberto AldoviniAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *